Il magnetismo anticlimatico di Varese

Riascoltando Amerique di Varese sovvengono la fisica del magnetismo, l’anticlimax letterario e certi coup de theatre. Quest’uomo, con le sue sirene, diede linfa carsica alla classica, contaminò certo jazz orchestrale after cool tipo Gil Evans, e arrivò a suggestionare il suggestionabile Franz Zappa, che lo considerò una sorta di vate retro Santana. [Questa è sincretica …

Il walzer non ortodosso

Gli anni 70, sotto l’egida di Miles, segnarono il crollo delle ortodossie e il momento delle contaminazioni. Tra i latori del messaggio brillarono i Brand X che, enfatizzando il loro Comportamento Non Ortodosso (1976), decostruirono un walzer in chiave western fusion.Okay, prima c’era stato Fats Waller con Jitterburg e Bill Evans con Debbie. Ma i …

Dall’australopiteco all’Homo Piercensis

I grafici che mostrano l’evoluzione del genere Homo nelle ere geologiche dall’australopiteco quadrupede fino all’Homo Erectus finiscono in genere con l’immagine di Billy Pierce, insignito più volte dai Grammy Awards come “il sassofonista jazz con la miglior postura, senza busto ortopedico”. In questo bel semiconcerto, che enfatizza l’enormità di Tony Williams anche da compositore, mi …

La cucina di Joanna

Quando Joanna mi inviterà a cena elencandomi portate dalla sua cucina non traducibili in “parmigiana”, “carbonara”, “mbuttunata”, declinerò dicendo che magari sarà pure roba buona, “but not for me”. Al che lei mi citerà Gershwin così.Ed io mangerò anche le corde di contrabasso [Totò, “Miseria e nobiltà”]